Superbonus al 110% per i condomini | Baschieri Costruzioni

Superbonus al 110% per i condomini: risolviamo ogni dubbio

In questi mesi, si è tanto parlato dell'Ecobonus salito al 110%. Nonostante questo, girano ancora molte perplessità intorno a questo incentivo. Infatti, sono presenti delle richieste molto rigide da parte del legislatore, che devono essere seguite alla lettera da coloro che vogliono accedere a questo tipo di beneficio. Molte persone si stanno ancora chiedendo come poter usufruire del superbonus al 110% per i condomini.

Questa è senz’altro una lecita perplessità proprio perché, in questa eventualità, si prendono in considerazione diverse abitazioni e quindi diversi proprietari. Entriamo nel dettaglio e andiamo a vedere cosa dovreste sapere a riguardo.

I condomini possono fruire del bonus? Sì, ma ci sono alcuni dettagli da considerare

Quando si parla di superbonus al 110% per i condomini, è utile dire che possono fruire di questo incentivo coloro che eseguiranno una ristrutturazione entro il 31 dicembre 2021. I lavori ammessi sono quelli capaci di ottimizzare l’efficienza energetica degli edifici e che ne riducono potenzialmente il rischio sismico.

A poter accedere al bonus sono sia i condomini che i privati, a patto che abbiano i requisiti necessari e che scelgano di eseguire uno o più interventi ammessi all’incentivo. Tra questi troviamo ad esempio quelli relativi all’isolamento termico e alla sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale. Pertanto, come per le abitazioni singole, anche per i condomini si può fruire del bonus proposto di recente dal Governo.

A seconda del tipo di intervento, ci sono dei requisiti specifici da non sottovalutare se si vuole accedere al superbonus al 110% per i condomini. In questo caso, saranno i professionisti incaricati ad esporli in base ai lavori necessari, garantendo così la soluzione migliore ai propri clienti.

La detrazione verrà applicata altresì alle spese funzionali all’esecuzione dell’intervento vero e proprio. Saranno quindi ammesse le spese relative a consulenze, progettazione, acquisto di materiali, installazione di ponteggi, perizie, smaltimento materiali e imposte varie.

Superbonus al 110% per i condomini | Baschieri Costruzioni

Come usufruire del superbonus al 110% per i condomini?

Un altro dubbio comune riguarda le modalità di fruizione. A questo proposito, è utile sapere che i professionisti possono persino rilasciare una fattura a zero o comunque inserire nel documento un cospicuo sconto. Successivamente, potranno ottenere l’importo dalla banca incaricata e/o approfittare di un corrispondente credito d’imposta. I condomini potranno invece ottenere il restante 10%, semplicemente seguendo le indicazioni proposte dall’Agenzia delle Entrate.

In alternativa, si potrà scegliere di approfittare del superbonus al 110% per i condomini optando per un rimborso in 5 rate annuali. Per quanto riguarda i lavori di miglioramento sismico, invece, si potrà decidere di cedere il credito corrispondente ad un istituto assicurativo. Sarà possibile stipulare una polizza che potrà andare a coprire il rischio di eventi calamitosi, avendo la possibilità di sfruttare una detrazione pari al 90% del premio assicurativo.

Per tutte queste ragioni, il bonus in oggetto ha tutte le carte in regola per essere una misura in grado di comportare una più rapida crescita dell'economia italiana.

Baschieri Costruzioni è al vostro fianco

Noi di Baschieri costruzioni aiutiamo i nostri clienti a fruire del superbonus al 110% per i condomini e non solo, informandoli riguardo tutte le normative e gli aggiornamenti. Siamo a vostra disposizione per l’esecuzione di ristrutturazioni a regola d’arte. Potremmo garantire interventi capaci di assicurare un efficientamento energetico notevole e/o un ottimale sicurezza del vostro immobile da un punto di vista del rischio sismico.


Ristrutturare casa, dal progetto alle finiture | Baschieri Costruzioni

Ristrutturare casa, dal progetto alle finiture

Quando si compra un immobile, una delle necessità che spesso nasce è quella di procedere alla ristrutturazione dello stesso. In alcuni casi si sceglie di ristrutturare casa per fare in modo che essa possa rispecchiare appieno i propri gusti e la propria personalità. In altri, invece, si agisce principalmente per la necessità di ottimizzare gli spazi, rinnovare l’ambiente ed elevarne i livelli di sicurezza, comfort e funzionalità. Scopriamo insieme quali sono i passi da seguire in ogni situazione, al fine di ristrutturare un'abitazione nel migliore dei modi.

La necessità di un progetto preliminare

Il primo passo da compiere quando si sceglie di ristrutturare casa è quello di realizzare un progetto dettagliato. Questo dovrà permettervi di avere la visione d'insieme dell’immobile che vorreste avere al termine della ristrutturazione. Un aspetto molto importante da tenere in considerazione in questa fase è quello relativo alla scelta dei materiali che dovranno essere inseriti nei vari ambienti. A seguire, bisognerà inoltre mettere in preventivo l’eventuale ripristino degli impianti.

Per tutte queste ragioni, è necessario cominciare innanzitutto a riflettere e a decidere quali caratteristiche e aspetto dovrà avere l’immobile al termine della ristrutturazione. Per essere certi di ottenere un buon progetto, sarà opportuno affidarsi ad un valido professionista del settore.

Ristrutturare casa, dal progetto alle finiture | Baschieri Costruzioni

Ristrutturare casa: l'avvio dei lavori di ristrutturazione

Una volta definito il progetto, sarà importante procedere alla valutazione dei diversi preventivi proposti dalle varie imprese edili e decidere a chi affidare i lavori. Per l'avvio di questi ultimi, dovrà essere presentata un'apposita dichiarazione presso lo sportello preposto del Comune.

Successivamente, si potrà pensare a come organizzarsi per la protezione dei mobili, per la propria permanenza all’interno dell’immobile e/o per un temporaneo trasferimento. Una volta organizzato tutto e dopo aver scelto con attenzione l’impresa edile, sarà finalmente possibile iniziare a ristrutturare casa.

La scelta delle finiture: una guida da non sottovalutare

Una delle ultime operazioni che dovrete effettuare per ristrutturare casa in maniera eccellente, riguarda la selezione delle finiture. Questa operazione concerne ad esempio la scelta del battiscopa nonché delle eventuali decorazioni delle pareti. Molto spesso non si riesce a scegliere questi elementi prima dell’inizio dei lavori. Tante imprese, infatti, li propongono al cliente in corso d’opera o poco prima dell’applicazione degli stessi. Affidarsi ai migliori professionisti del settore consentirà di avere un’ottima guida ma anche un’ampia scelta, costituita sempre da prodotti e materiali di alta qualità e dal gran design.

Ristrutturare casa con Baschieri Costruzioni

Sappiamo bene che ristrutturare casa non è semplice. Non è facile progettare e scegliere le soluzioni ideali, e gli imprevisti da affrontare sono sempre dietro l’angolo. Ecco perché noi di Baschieri Costruzioni seguiamo il cliente passo dopo passo, dalle decisioni alle scelte definitive. Offriamo consigli personalizzati e soluzioni diversificate, e utilizziamo sempre materiali di alta qualità.

Dalla progettazione alle finiture, possiamo permettervi di ristrutturare casa con una spesa onesta e riuscendo sempre ad ottenere il miglior risultato possibile. Valutando le nostre realizzazioni, vi accorgerete che questa è da sempre la nostra filosofia aziendale e il nostro modo di operare. Contattateci al più presto per ottenere una consulenza e un preventivo senza impegno.


Ottimizzare gli spazi con la ristrutturazione | Baschieri Costruzioni

Ottimizzare gli spazi grazie alla ristrutturazione

In alcuni immobili, la disposizione delle varie stanze non è stata fatta nel modo giusto, oppure è stata fatta seguendo i criteri che si utilizzavano molto tempo fa. Fortunatamente non c'è da disperarsi: anche in questo caso si possono fare dei cambiamenti per ottimizzare gli spazi, arrivando a rendere l’immobile più bello e funzionale. Quello che serve è una valida e attenta progettazione, seguita da una ristrutturazione ad hoc.

I primi passi per partire nel modo giusto

Per ottimizzare gli spazi bisogna in primo luogo avere ben in mente ciò che si vuole realizzare. Ognuno di noi ha delle preferenze e delle esigenze diverse. In questo caso, metterle nero su bianco sarà fondamentale.

Non bisogna mai iniziare una ristrutturazione senza avere le idee chiare su cosa fare. A maggior ragione quando si tratta di una casa, è necessario fornire ai professionisti incaricati tutte le informazioni necessarie. Solo così potranno proporre le soluzioni migliori ed elaborare un progetto funzionale e al tempo stesso sapientemente personalizzato.

Come ottimizzare gli spazi grazie alla ristrutturazione

Quando la necessità è quella di ottimizzare gli spazi, si suggerisce di valutare la possibilità di creare qualche open space. Questi si presentano come ambienti “aperti” che uniscono due o più stanze (ad esempio cucina, sala da pranzo e area living). Si tratta di una soluzione molto in voga negli ultimi anni.

Altra cosa fondamentale quando si parla di ristrutturazione è quella di mantenere più ampi gli spazi in cui viviamo di più (es. bagno, soggiorno, sala da pranzo e cucina). Quindi si consiglia altresì di togliere lo spazio inutilizzato in una stanza e inserirlo in un’altra adiacente, nella quale potrà essere sfruttato al meglio. Non sempre è possibile spostare o eliminare le pareti, ma i professionisti incaricati potranno eseguire le verifiche necessarie e garantire risultati eccellenti.

In alcune eventualità si potrà recuperare spazio usando ad esempio il cartongesso, che può dividere gli ambienti risultando meno ingombrante di una vera e propria parete. Un’altra soluzione da adottare si concretizza nel montaggio di porte scorrevoli: funzionali, disponibili in vari stili e adatte ad ogni stanza.

Ottimizzare gli spazi con la ristrutturazione | Baschieri Costruzioni

Ampliare la casa è possibile, ma non necessario

Ovviamente, per ottimizzare gli spazi si può anche “aggiungere” qualcosa che manca, ovvero uno spazio extra ricavato ampliando una o più parti dell’immobile. Solitamente, però, basta fare piccoli cambiamenti e dei semplici ritocchi per ottenere dei validi risultati. Si parte con l’eliminazione di qualche arredo e con qualche mirato lavoro di ristrutturazione e si finisce per ottenere dei risultati eccellenti. Perciò, è possibile ottimizzare gli spazi facendo poco o facendo tanto: tutto dipende dalle proprie esigenze e dalle specifiche preferenze.

Il supporto dei professionisti è fondamentale per chi vuole ottimizzare gli spazi

Come avrete compreso, ci sono diversi interventi che si possono eseguire per migliorare la fruizione dello spazio all’interno dei propri ambienti domestici e non. È fondamentale in ogni caso avvalersi del supporto dei professionisti: solo così si potranno ottenere grandi risultati mantenendo alti i livelli di sicurezza e funzionalità degli immobili. Per una ristrutturazione eccellente e un progetto personalizzato, non esitate a contattare Baschieri Costruzioni. Possiamo aiutarvi ad ottimizzare gli spazi e ad avere un immobile perfetto sotto ogni punto di vista.


Ristrutturazione ed efficientamento energetico | Baschieri Costruzioni

Ristrutturazione ed efficientamento energetico: uniamo l’utile al dilettevole

Ci sono tanti interventi che si possono eseguire durante una ristrutturazione, dai più complessi ai più semplici. La maggior parte delle volte si agisce per rendere gli ambienti più belli e nuovi. Tuttavia, progettare una ristrutturazione significa non solo decidere di rinnovare i propri immobili dal lato estetico: vuol dire anche fare il massimo per migliorarli sotto altri punti di vista. Quindi è molto importante pensare a come fare per unire l’utile al dilettevole, scegliendo di rendere l’immobile non solo più bello, ma anche più funzionale. Con questi presupposti, potrà essere una buona idea eseguire qualche intervento di efficientamento energetico.

Tanti motivi per migliorare un immobile da un punto di vista energetico

Al giorno d’oggi, sono tantissime le persone che scelgono di rinnovare i propri ambienti dal lato estetico e aggiungere ai lavori almeno un intervento di efficientamento energetico. Lo scopo principale è cominciare al più presto a constatare un notevole risparmio sui consumi di energia elettrica e gas, e conseguentemente anche in bolletta.

Inoltre, si opta sempre più spesso per questo tipo di interventi in quanto possono decisamente migliorare la classe energetica dell’immobile e quindi aumentarne il valore di mercato. Questi lavori permettono altresì di elevare il comfort abitativo percepito, aiutando ad avere ambienti più freschi d’estate e più caldi d’inverno.

Tra i vantaggi non mancano le detrazioni fiscali

A completare il quadro ci sono le detrazioni attualmente in vigore: il Bonus Ristrutturazioni al 50% e l’Ecobonus al 65%. A convincere maggiormente gli italiani è sicuramente il Superbonus al 110%, al quale si può accedere per determinati lavori di efficientamento energetico eseguiti dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

Ristrutturazione ed efficientamento energetico | Baschieri Costruzioni

Quali sono gli interventi da considerare?

Per rendere la vostra ristrutturazione ancor più completa, potrete pensare all’ottimizzazione dell’isolamento termico dell'involucro edilizio, e quindi all’installazione di un nuovo cappotto termico. Potrete inoltre valutare la sostituzione e/o l’efficientamento degli impianti utilizzati per la produzione di energia elettrica, di acqua calda sanitaria e per il riscaldamento. Attualmente, è possibile altresì optare per l’implementazione di sistemi utili per il monitoraggio dei consumi e/o per l'automazione degli impianti.

Alcuni di questi interventi, come ad esempio quello per l’isolamento termico, permettono di fruire del bonus al 110%, mentre per altri sarà possibile contare sul consueto Ecobonus al 65%. In ogni caso, affidandovi ai professionisti del settore potrete avere una lista degli interventi che potreste eseguire e tutte le indicazioni relative alle detrazioni fiscali correlate.

Considerare l’esecuzione di alcuni interventi di efficientamento energetico è una buona idea

Oggi come oggi, possiamo affermare che si tratta del momento ideale per eseguire dei lavori di ristrutturazione e per ottimizzare un immobile persino da un punto di vista energetico. Se quindi stavate pensando di rinnovare i vostri ambienti, considerate anche qualche altro intervento in più. In fondo, quando si tratta di efficientamento energetico, ogni lavoro può diventare un intelligente investimento. La squadra di Baschieri Costruzioni vi aspetta per proporvi soluzioni uniche e personalizzate, in grado di rendere il vostro immobile più bello, più sicuro e nettamente più funzionale.


parquet

Parquet: alla scoperta di un pavimento dal fascino senza tempo

Il parquet è un tipo di rivestimento che più di ogni altro riesce ad aggiungere un tocco di fascino in ogni ambiente. È sicuramente una soluzione da considerare in caso di ristrutturazione o di costruzione di un nuovo immobile. Con questi presupposti, ve ne parliamo in questo articolo: ecco le informazioni che vi consentiranno di capire se e quale parquet è il pavimento perfetto per la vostra quotidianità.

Dal passato al presente: tante soluzioni per tutti i gusti

L'uso di tavole di legno, soprattutto di abete non trattato, era già diffuso all'interno dei sotterranei delle abitazioni ai tempi del Medioevo. A partire dal '500, i pavimenti in legno vennero realizzati in varie dimensioni e finiture, specialmente per arredare le case nobiliari. Oggi, grazie alla continua evoluzione, le pavimentazioni in parquet riescono a soddisfare ogni esigenza, coniugando buon gusto e resistenza nel tempo.

Le tipologie

I pavimenti in parquet possono essere in legno massiccio o multistrato. I primi richiedono una posa in opera accurata, perché vanno incollati su tutta la superficie, e si rilevano più sensibili all'umidità. Le superfici multistrato, come del resto viene suggerito dallo stesso nome, presentano una struttura a due o tre strati. In genere vengono posati con più facilità e riescono a garantire una buona stabilità nel tempo.

Alcuni pavimenti in parquet dispongono di particolari sistemi ad incastro chiamati “plug-in”, molto facili da posare persino autonomamente e anche su pavimenti in ceramica preesistenti. Nello specifico, basta solo collegare le assi fra loro, avendo cura di sistemare eventuali dislivelli con appositi composti, per ottenere così una posa in opera ancora più veloce.

Tanti colori e accattivanti design

Oggi, è possibile scegliere parquet di ogni colore e dimensione. Di solito, le tavole di quercia sono quelle disponibili in una vasta gamma di tonalità. Non mancano poi i pavimenti dai toni chiari, come quelli ricavati dall'acero oppure dalla betulla. Coloro che amano le gradazioni del rosso, invece, dovranno concentrare la scelta sul mogano o faggio.

Particolarmente importante è anche la scelta che riguarda il design delle tavole, che influenzerà l'estetica finale dell'ambiente. Oltre ai classici listoni affiancati, si possono prediligere ad esempio quelli multi-barra, con i quali è possibile realizzare disegni geometrici molto accattivanti e originali.

In tutti i casi, optare per un parquet vuol dire rendere gli ambienti non solo più confortevoli, ma anche belli da vivere, accoglienti e curati. Questi rivestimenti si adattano ad ogni stile d'arredo, dal classico al moderno.

Parquet oppure no?

parquet

Insomma, come avete potuto notare, abbiamo a disposizione una pavimentazione affascinante in ogni sua forma e colore. Quello del parquet è proprio un fascino senza tempo! Tutto questo fascino, però, va curato con attenzione. Infatti, si tratta di un pavimento che necessita di trattamenti appositi. Inoltre, c’è da considerare che il legno è un materiale delicato. Pertanto, è fondamentale evitare la caduta di oggetti pesanti e/o contundenti su di esso, nonché l’utilizzo di detergenti aggressivi.

Nonostante questo, se il fascino di questo pavimento vi ha conquistati, non dovreste lasciarvi scoraggiare. Saranno i professionisti che si occuperanno della ristrutturazione e della posa del parquet a darvi i migliori consigli del caso. Vi diranno cosa fare per la manutenzione ordinaria e straordinaria, e anche in quali stanze sarebbe meglio optare per una diversa soluzione.


crepe nei muri

Crepe nei muri? Quando e perché intervenire

In molte abitazioni è possibile notare delle crepe nei muri. In alcuni casi, si tratta di spaccature che compromettono l'integrità e l'aspetto estetico delle pareti, soprattutto se sono molto ampie e collocate in aree ben visibili. Non sempre le crepe sono il segnale di un cedimento strutturale, ma è comunque opportuno non sottovalutare il problema. È consigliabile poi intervenire quando le spaccature interessano i muri interni e si sospetta un cedimento delle fondazioni dell'edificio. Entriamo nel dettaglio.

Le crepe nei muri: le principali cause

Se sui muri della vostra abitazione fossero ben visibili delle crepe di piccola-media ampiezza, le cause della loro insorgenza potrebbero essere diverse. Tuttavia, non sempre bisogna preoccuparsi e intervenire tempestivamente. Infatti, se sono superficiali e interessano soltanto alcune aree della parete, potrebbero essere provocate dall'usura dell'intonaco. Questo è un fenomeno che si verifica in particolare negli immobili situati in zone marittime o dove il clima è molto umido e freddo.

Un'altra causa molto frequente della comparsa di crepe nei muri è da ascrivere agli interventi dell'uomo, quali scavi, ristrutturazioni, strade molto trafficate, sostituzione di impianti idraulici e di fognature, etc. Queste rotture nell’intonaco possono formarsi altresì per un assestamento del terreno.

Nell’eventualità in cui queste spaccature interessassero la muratura e la sua struttura, la causa principale potrebbe essere un cedimento delle fondazioni dell'edificio. In questo caso, sarà opportuno intervenire tempestivamente per consolidare l'immobile ed evitare un progressivo deterioramento delle strutture portanti.

Quando intervenire per riparare le crepe?

Le crepe nei muri sono sicuramente antiestetiche e possono compromettere la bellezza degli ambienti. Quindi è sempre consigliabile intervenire per ripristinare l'intonaco ed evitare che si amplino e deteriorino anche la pittura e le decorazioni presenti sulle pareti. Per le crepe superficiali, che non interessano la struttura portante, è opportuno rifare l'intonaco o applicare dei fissativi o dello stucco riempitivo nelle fessure.

crepe nei muri

Come anticipato, però, quando le crepe nei muri sono molto profonde e interessano la muratura in maniera importante, non si parla di un problema solamente estetico. Al contrario, può trattarsi di un vero e proprio cedimento strutturale dell'edificio. In questo particolare caso bisognerà subito contattare una ditta specializzata  per effettuare un sopralluogo e verificare l'integrità dell'abitazione. Questa soluzione è utile anche nella prima situazione, ma chiaramente l’operazione di ripristino della parete non sarà così urgente.

Crepe nei muri: ecco le nostre conclusioni

In generale, tutte le volte in cui si pensa che una crepa sia pericolosa o si sia ingrandita, è buona norma avvalersi del supporto di un professionista. In alcune situazioni, prima che si verifichino ingenti danni alla struttura, sarà necessario altresì consolidare le fondazioni della casa. Si potrà fare ad esempio applicando delle resine espandenti o realizzando delle strutture di sostegno.

Per lavori di ristrutturazione ad immobili di qualunque dimensione, noi di Baschieri Costruzioni siamo a vostra disposizione. Ci occuperemo di tutte le crepe nei muri, ma anche di molto altro, trasformando ogni edificio in un ambiente ancora più bello, sicuro e funzionale. Non esitate a chiederci maggiori informazioni.


scelta infissi

Una piccola guida per la scelta degli infissi durante la ristrutturazione

Scegliere gli infissi giusti per la propria casa o per il proprio ambiente di lavoro non è facile, ma è davvero molto importante. Infatti, i prodotti più idonei all’ambiente in oggetto potranno garantire un maggior comfort, sicurezza, un valido impatto estetico e un notevole risparmio energetico. Oggi, è possibile fare la scelta degli infissi valutando numerose opzioni.

Esistono prodotti realizzati in PVC, legno o alluminio, e tanti design perfetti per soddisfare le più svariate esigenze. Particolarmente efficienti sono anche i nuovi modelli che combinano il legno e l’alluminio. Ecco quello che c'è da sapere a riguardo.

Infissi: le tipologie disponibili

La prima cosa da valutare durante la scelta degli infissi sono i materiali costruttivi. In genere, gli infissi in PVC presentano un buon rapporto qualità prezzo, ma le possibilità di personalizzazione sono piuttosto limitate. I modelli in alluminio, invece, sono caratterizzati dalla buona resistenza agli agenti climatici, ma non offrono un elevato isolamento termoacustico. Gli infissi in legno si rivolgono a chi cerca una soluzione isolante, sia dal punto di vista termico che acustico. Richiedono però costanti cure e un’apposita manutenzione.

Negli ultimi tempi sono apparsi sul mercato anche gli infissi in legno con rivestimento esterno in alluminio. Questi, oltre ad essere molto isolanti, richiedono poca manutenzione e resistono bene a tutte le condizioni climatiche. La scelta degli infissi di questa tipologia implica la necessità di dover fare un investimento maggiore rispetto alle altre tipologie, ma di certo possiamo dire che ne vale la pena.

I modelli da valutare durante la scelta degli infissi

I colori, le finiture e le dimensioni disponibili sono innumerevoli. Occorre infatti precisare che oggi gli infissi possono essere realizzati anche fuori misura standard e in tonalità varie, che riproducono ad esempio l'effetto legno. Non mancano inoltre gli infissi con la colorazione interna differente da quella esterna. Questi si presentano come soluzioni indispensabili per chi necessita di rispettare il regolamento condominiale, ma desidera comunque realizzare abbinamenti stilistici in linea con l'arredo già presente nel proprio ambiente.

L’acquisto dei nuovi infissi: altri aspetti da considerare

scelta infissi

Durante la scelta degli infissi è importante, anzi fondamentale, rivolgersi ad una ditta seria, che sappia fornire ogni utile supporto, valide risposte e consigli personalizzati. I professionisti del settore potranno altresì offrire tutte quelle rilevanti informazioni che riguardano le detrazioni fiscali previste dalla legge. Infatti, gli infissi che rispettano determinati parametri di trasmittanza termica permettono di accedere ad interessanti incentivi. Lo sconto, a seconda dei casi, può essere immediato in fattura o portato in detrazione in sede di dichiarazione dei redditi con rate annuali di uguale importo.

Il nostro supporto per la scelta degli infissi

Baschieri Costruzioni si occupa da anni di ristrutturazioni per il settore pubblico e privato. Pertanto, restiamo sempre aggiornati sulle migliori soluzioni offerte dal mercato, sulle detrazioni fiscali e su tutto ciò che riguarda infissi e serramenti.

Diamo ai nostri clienti consigli personalizzati e proponiamo sempre soluzioni diversificate e funzionali sotto ogni punto di vista. In altre parole, anche per la scelta degli infissi durante la ristrutturazione del vostro immobile, siamo a vostra disposizione.


rivestimenti bagno

Rivestimenti bagno: ecco alcune idee per chi sceglie di ristrutturare casa

Quando si tratta di scegliere i rivestimenti per il proprio bagno, è normale non sapere quali acquistare. Del resto, l’assortimento disponibile in commercio è così vasto da mandare in confusione. Ceramica, mosaici, marmo e pietre di varie forme e colori rappresentano le soluzioni oggi più diffuse. Ognuna di queste opzioni offre notevoli vantaggi e permette di soddisfare al meglio le più svariate esigenze. Andiamo a conoscere le principali opportunità da valutare durante la scelta tra i migliori rivestimenti bagno.

Rivestimenti per il bagno in ceramica

Adatta per bagni moderni, classici e contemporanei, la ceramica si rivela molto versatile e garantisce risultati estetici molto eleganti. Le proposte disponibili sul mercato sono tantissime e fra queste spiccano sicuramente le mattonelle 3D, così chiamate perché presentano dei bassorilievi in superficie. Questa caratteristica assicura un sorprendente impatto visivo. I rivestimenti bagno in ceramica si rivolgono a chi cerca sobrietà ed eleganza, oltre che semplice manutenzione.

Il mosaico che conquista tutti

Scegliere il mosaico vuol dire realizzare un ambiente di servizio dal grande impatto stilistico, oltre che dal gusto unico e ricercato. Le singole tessere, da combinare fra loro, possono essere non solo di ceramica, ma anche realizzate in vetro o in metallo. Difficilmente il risultato finale potrà deludere le aspettative! Occorre comunque considerare che il mosaico richiede un'attenzione maggiore durante le fasi di pulizia, specialmente lungo le fughe che dovranno essere trattate accuratamente.

I rivestimenti per il bagno in pietra

Grazie alle sue proprietà impermeabili, la pietra naturale viene consigliata proprio per rivestire i bagni. È ottima in particolare per il rivestimento di quelle parti della stanza più soggette al contatto con l'acqua, come ad esempio le cabine doccia. Questo materiale, ricco di sfumature e sporgenze naturali, è capace di rendere ogni stanza calda e affascinante. La pietra rientra fra i rivestimenti bagno più cari in commercio, ma offre il grande pregio di essere molto resistente nel tempo.

Il marmo? Anche questo materiale è perfetto in bagno

Il marmo è il rivestimento ideale per coloro che intendono realizzare bagni lussuosi e particolarmente raffinati, non solo dallo stile classico ma anche moderno. Chi sceglie il marmo ha la certezza di creare una stanza molto affascinante e accogliente, in grado di sorprendere anche gli ospiti più esigenti. Le venature variopinte di questo materiale creano effetti unici e impareggiabili. Altri punti di forza di questo rivestimento usato sin dall'antichità sono la facile pulizia e la durevolezza nel tempo.

La scelta dei rivestimenti bagno durante le nostre ristrutturazioni

rivestimenti bagno

Noi di Baschieri Costruzioni lavoriamo con passione, ascoltando e soddisfacendo le esigenze di ogni cliente. Anche quando si tratta del bagno sappiamo come comportarci, consigliando alla nostra clientela le migliori soluzioni in base alle caratteristiche dell’ambiente e alle preferenze di chi vi abiterà. Potremo dunque consigliarvi rivestimenti bagno di qualità, capaci di illuminare la stanza e di renderla funzionale, sicura e perfetta sotto ogni punto di vista. Non esitate a richiederci una consulenza personalizzata per la ristrutturazione del vostro immobile e un sopralluogo completo e a misura delle vostre esigenze. Vi aspettiamo!


isolamento termico

Isolamento termico, tutto quello che dovreste sapere a riguardo

Isolare termicamente un’abitazione è una scelta intelligente e sempre più quotata in quest’ultimo periodo. Infatti, permette di abbattere i consumi e di avere un immobile fresco in estate e caldo in inverno. Sono molteplici le soluzioni presenti sul mercato per quanto riguarda l’isolamento termico. Pertanto, sarà possibile selezionare il prodotto migliore in base alle proprie esigenze, al tipo di abitazione e al luogo in cui si trova l’immobile.

Tante diverse soluzioni per l’isolamento termico

In buona sostanza, i tipi di isolamento possono essere suddivisi in tre categorie che vediamo subito qui di seguito.

  • Isolamento interno - Si inserisce uno strato di materiale isolante tra la parete esterna ed interna dell’immobile.
  • Isolamento nell’intercapedine - In questo caso, lo strato di materiale isolante scelto verrà posto in opera nell’intercapedine dei muri perimetrali.
  • Isolamento a cappotto - Si tratta di un tipo di isolamento esterno all’abitazione e prevede un rivestimento dei muri con dei pannelli isolanti. Questo è il sistema più utilizzato ed efficace.

Come anticipato, il tipo di isolamento viene scelto anche in funzione all’immobile in oggetto. Ad esempio, se si tratta di una casa già finita ed arredata, potrà essere isolata solo con l’isolamento a cappotto. Le altre due soluzioni sono infatti utilizzabili solo in fase di costruzione o ristrutturazione. Oltre al tipo di isolamento, è importante conoscere i diversi materiali che possono essere utilizzati.

Gli isolanti termici sintetici

I materiali sintetici si prestano benissimo all’isolamento termico di un immobile. Sono economici, facili da reperire ed applicare. A seconda del livello di isolamento di cui si ha bisogno, è possibile scegliere tra alcuni materiali derivati dal petrolio.

  • Poliestere e polistilene espanso (schiuma) - Sono la scelta più economica e pratica anche perché le tecniche di posa sono talmente semplici da poter essere eseguite senza l’aiuto dei professionisti.
  • Pannelli termoisolanti - Sono resistenti agli agenti atmosferici e sono prodotti in poliuretano o polisterene. Si rivelano adatti per l’isolamento di soffitti e pavimenti. Questa soluzione vanta un ottimo rapporto resa/prezzo.

Gli isolanti termici naturali

isolamento termico

Vi è anche la possibilità di scegliere materiali naturali capaci di isolare termicamente un immobile. C’è da dire, però, che alcuni di essi hanno un costo particolarmente elevato. Tra i più usati troviamo:

  • Argilla espansa - Viene utilizzata in granuli e posta nelle intercapedini dei muri perimetrali, mescolata con la vermiculite e la pomice. Offre un’ottima resistenza termica.
  • Lana di roccia – Questo materiale è tra i più utilizzati perché, essendo di origine vulcanica, ha una forte resistenza al calore. In più, non viene aggredito dalle muffe. Oltre ad essere un ottimo isolante termico, è anche un buon isolante acustico. In commercio, la lana di roccia viene venduta in comodi pannelli.
  • Perlite espansa - Simile per risultato alla lana di roccia, è resistente alla combustione e non aggredibile da muffe. Anch’essa è un buon isolante acustico oltre che termico.

Tra gli isolanti naturali, inoltre, ritroviamo anche il sughero, il feltro, la fibra di cocco e di canapa. Pertanto, la scelta è a dir poco ampia.

Le agevolazioni fiscali per chi desidera ottimizzare l’isolamento termico del proprio immobile

Ad oggi, oltre al “vecchio” Ecobonus, per molti lavori di efficientamento energetico è possibile fruire del “Superbonus” al 110% varato dal Decreto Rilancio 2020. Per maggiori informazioni non esitate a leggere il nostro articolo dedicato alle nuove agevolazioni.


costruire casa

Cosa dovreste sapere prima di farvi costruire casa

L'idea di avere una casa costruita appositamente in base ai propri desideri, partendo da zero, è allettante per chiunque. Poter creare uno spazio completamente personalizzato è un'ipotesi che piace praticamente a tutti. Prima di iniziare a costruire casa, sarà tuttavia necessario avere ben chiaro quali sono le mosse giuste da fare, soprattutto dal punto di vista burocratico.

Conoscere alcuni dettagli vi consentirà di poter iniziare questo percorso in totale tranquillità, consapevoli di aver effettuato i giusti passi e di possedere tutte le documentazioni necessarie. Vediamo, dunque, passo dopo passo, cosa dovreste sapere prima di farvi costruire casa.

Dove costruire la casa nuova?

Individuare il luogo nel quale sorgerà la nuova costruzione può sembrare un aspetto relativamente semplice. In realtà, per rendere realizzabile una costruzione di tipo abitativo su un terreno, sono necessari alcuni specifici requisiti. Costruire una nuova casa è infatti un’operazione che necessita di un terreno edificabile.

Pertanto, prima di acquistare il terreno, sarà opportuno verificare eventuali vincoli riguardanti l'edificabilità del lotto, recandosi all'ufficio tecnico del Comune di appartenenza. Una volta reperite tutte le informazioni inerenti al terreno, sarà possibile procedere all'acquisto.

Le documentazioni necessarie per costruire casa

Dopo aver stipulato il regolare contratto per l'acquisto del terreno, saranno necessarie tutta una serie di documentazioni e verifiche. Queste ultime dovranno essere effettuate prima di iniziare la costruzione dell'edificio. Essendo solitamente pratiche burocratiche che richiedono tempo, è sempre consigliabile giocare d'anticipo.

 

La prima cosa da richiedere sarà una verifica catastale da parte di un tecnico. Se tale verifica darà esito positivo, a quel punto sarà necessario chiedere una specifica certificazione di destinazione urbanistica. Dopo averla ottenuta si potrà procedere alla consegna di tutti i documenti al notaio che provvederà alla stipula del rogito e si occuperà di tutte le pratiche relative alla compravendita.

L’iter burocratico per l'avvio della costruzione

Una volta acquistato il terreno, saranno necessari altri documenti relativi alla specifica costruzione. Primo tra tutti, servirà uno specifico permesso per costruire. Questo dovrà essere richiesto da un professionista abilitato, geometra, ingegnere o architetto che sia. Il professionista in questione si occuperà di presentare i vari documenti destinati al Comune: il progetto, l'attestato di legittimazione e le varie certificazioni di conformità.

costruire casa

Il permesso per costruire casa verrà concesso previa specifica istruttoria atta a verificare che sussistano tutti i requisiti richiesti. Successivamente potranno iniziare, materialmente, i lavori della costruzione effettiva della nuova casa.

Dal progetto alla realizzazione: i professionisti che vi aiutano a costruire casa

Una volta arrivati a questo punto sarà passato del tempo e ce ne vorrà altro per realizzare un immobile eccellente su tutti i fronti. Tuttavia, l’attesa verrà ampiamente ripagata. Noi di Baschieri Costruzioni operiamo ogni giorno con passione e impegno, mettendoci al servizio di committenze sia pubbliche che private. Amiamo dare forma all’eccellenza e non vediamo l’ora di metterci a vostra disposizione.

Quando si tratta di costruire casa, la nostra impresa edile a Sassuolo è pronta per fornire idee e soluzioni. Potremo trasformare i vostri desideri in un progetto unico, concreto e personalizzato.